Maat - Conoscere la storia per creare il futuro -To know the history to create the future

| STORIA | FILOSOFIA | RELIGIONE | SCIENZA | ECONOMIA |
| SINCRONIA | TAVOLE GENEALOGICHE | CARTOGRAFIA STORICA |
| MAPPA DEL SITO | LIBRI | COMUNICAZIONI | RICERCHE | HOME PAGE |
| VERSIONE INGLESE |

 

2007 - CALENDARIO ANTICA ROMA - 2007

 

 


Calendario Antica Roma

Per la descrizione della struttura del calendario si rimanda a Calendario Romano.

I giorni festivi e le solennità principali sono in rosso.

Per ogni festa esiste un rimando alla voce corrispondente nel Dizionario delle feste dell'Antica Roma.

Sono state riportate anche le principali solennità del calendario liturgico cattolico romano. Sono identificate dal segno e dal colore verde.

Tra un mese e l'altro sono stati inseriti pensieri di filosofi vissuti tra il VI secolo a.C. e il V secolo d.C.

Per stampare il calendario cliccare qui.

 


INDICE

 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA - 2007 

Ianuarius

Februarius

Martius

Aprilis

Maius

Iunius

Iulius

Augustus

September

October

November

December

 

La ragione dice che la divinità è presente ovunque,
un tempio le è stato consacrato presso gli uomini: il pensiero,
soprattutto del sapiente, e unicamente questo.

Porfirio di Tiro, Lettera a Marcella 11

 


 

RINVII

 

CALENDARIO ROMANO

DIZIONARIO DELLE FESTE DELLA ANTICA ROMA

2007 CALENDARIO ANTICA ROMA 2007 (pdf)

 


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Ianuarius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies

1
A
Fas


Kalendis
Ianuariis


Aesculapius

Ianus dies

2
B
Fas

ante diem IV
Nonas
Ianuarias

 

3
C
Comitialis

ante diem III
Nonas
Ianuarias


Compitalia

4
D
Comitialis

pridie
Nonas
Ianuarias

5
E
Fas


Nonis Ianuariis



Vica Pota

6
F
Fas

ante diem VIII
Idus
Ianuarias

† In Epiphania
Domini

7
G
Comitialis

ante diem VII
Idus
Ianuarias
8
H
Comitialis

ante diem VI
Idus
Ianuarias

9
A
NP

ante diem V
Idus
Ianuarias

Agonalia Iani

10
B
Comitialis

ante diem IV
Idus
Ianuarias

11
C
NP
ante diem III
Idus
Ianuarias

Carmentalia
I die


Iuturnalia

12
D
Comitialis

pridie
Idus
Ianuarias

13
E
NP


Idibus Ianuariis

14
F
EN

ante diem XIX
Kalendas
Februarias



15
G
NP

ante diem XVIII
Kalendas
Februarias

Carmentalia
II die


16
H
Comitialis

ante diem XVII
Kalendas
Februarias

Concordia

17
A
Comitialis

ante diem XVI
Kalendas
Februarias
18
B
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Februarias

19
C
Comitialis

ante diem XIV
Kalendas
Februarias

20
D
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Februarias
21
E
Comitialis

ante diem XII
Kalendas
Februarias

22
F
Comitialis

ante diem XI
Kalendas
Februarias


23
G
Comitialis

ante diem X
Kalendas
Februarias
24
H
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Februarias
25
A
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Februarias
26
B
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Februarias
27
C
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Februarias
28
D
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Februarias

29
E
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Februarias

30
F
NP
ante diem III
Kalendas
Februarias

Ara Pacis Augustae
31
G
Comitialis

pridie
Kalendas
Februarias
     


Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Ianuarius

 

PLUTARCO

 

Il filosofo "non è uno scultore di statue che stanno ritte e immobili su di un piedistallo", come dice Pindaro: è uno che infonde forza, energia, operosità a coloro che avvicina, dando loro stimoli ad agire, impulsi verso il bene, pensieri elevati e grandezza d'animo, insieme a dolcezza e semplicità.
Plutarco, Il filosofo deve dialogare soprattutto con i potenti, 1

Le parole di un filosofo se sono rivolte ad un privato libero da impegni, il cui mondo, come il centro di una figura geometrica, è circoscritto al suo corpo e ai suoi bisogni materiali, possono solo indurre in lui uno stato di calma e di tranquillità, ma agli altri non portano alcun giovamento, si disperdono, volano via.
Se invece sono indirizzate ad un politico, ad un magistrato, ad un uomo d'azione, gli infondono virtù e bontà, e, pur operando in una sola persona, finiscono col giovare a molti, come nel caso di Anassagora con Pericle, di Platone con Dione e di Pitagora con i personaggi più illustri d'Italia.
Plutarco, Il filosofo deve dialogare soprattutto con i potenti, 1

Solo gli stolti non fanno politica, neppure quando comandano eserciti, o sono magistrati, o siedono in parlamento: essi sono solo dei demagoghi, degli imbonitori, dei faziosi, e solo se vi sono costretti si assumono dei compiti gravosi.
Chi invece è socievole, umano, amante autentico della patria, anche se non indossa una divisa, fa sempre politica, sia che esorti i potenti o si offra da guida a chi ne ha bisogno, oppure sia di sostegno a chi deve prendere decisioni importanti, sia che distolga dal male i cattivi e incoraggi gli onesti.

Plutarco, Se un anziano debba fare politica, 26

 

Plutarco (46-120 d.C.) nacque e morì a Cheronea in Grecia.
Storico e filosofo.
Insegnò a Roma.

 

 

 

Torna all'inizio

.


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Februarius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
 

 

 

 
1
H
Nefas


Kalendis
Februariis



Templum Iunonis
Sospitae
Matris Reginae
2
A
Nefas

ante diem IV
Nonas
Februarias

3
B
Nefas

ante diem III
Nonas
Februarias


4
C
Nefas

pridie
Nonas
Februarias
5
D
Nefas


Nonis Februariis



Augustus
Pater Patriae

6
E
Nefas

ante diem VIII
Idus
Februarias

7
F
Nefas

ante diem VII
Idus
Februarias
8
G
Nefas

ante diem VI
Idus
Februarias
9
H
Nefas

ante diem V
Idus
Februarias


10
A
Nefas

ante diem IV
Idus
Februarias

11
B
Nefas
ante diem III
Idus
Februarias

12
C
Nefas

pridie
Idus
Februarias

 

13
D
NP


Idibus
Februariis

Parentalia
I die


Templum Fauni

14
E
Nefas

ante diem XVI
Kalendas
Martias

Parentalia
II die

15
F
NP

ante diem XV
Kalendas
Martias

Parentalia
III die


Lupercalia
16
G
EN

ante diem XIV
Kalendas
Martias

Parentalia
IV die


17
H
NP

ante diem XIII
Kalendas
Martias

Parentalia
V die


Quirinalia
18
A
Comitialis

ante diem XII
Kalendas
Martias

Parentalia
VI die

19
B
Comitialis

ante diem XI
Kalendas
Martias


Parentalia
VII die


20
C
Comitialis

ante diem X
Kalendas
Martias

Parentalia
VIII die

21
D
Fas

ante diem IX
Kalendas
Martias

Feralia

† Dies Cinerum

22
E
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Martias

Caristia
23
F
NP

ante diem VII
Kalendas
Martias

Terminalia
24
G
Nefas

ante diem VI
Kalendas
Martias

Regifugium
25
H
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Martias
26
A
EN

ante diem IV
Kalendas
Martias

27
B
NP
ante diem III
Kalendas
Martias

Equirria
I die
28
C
Comitialis

pridie
Kalendas
Martias
       
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Februarius

 

SOCRATE

 

Cos'è in effetti il timore della morte se non l'attribuirsi un sapere che non si possiede affatto?
Non è forse immaginare di conoscere ciò che si ignora?
Perché in realtà, nessuno sa cosa sia la morte e se non sia per caso il più grande dei beni per l'uomo.
Tuttavia la si teme, proprio come se si sapesse che è il più grande dei mali.
Non è forse riprovevole ignoranza quella che consiste nel credere di sapere ciò che si ignora?

Platone, Apologia di Socrate, 29a-b

 

Amici miei, non riesco a convincere Critone che io sono, io, quel Socrate che si intrattiene con voi in questo istante e che dispone in ordine tutti i suoi argomenti.
Egli crede che sia io quell'altro che vedrà fra non molto, quel cadavere.

Platone, Fedone, 115e

 

La maggior parte delle persone immagina che la filosofia consista nel dibattere dall'alto di una cattedra e nel fare corsi su alcuni testi.
Ciò che tuttavia sfugge, a persone del genere, è la filosofia che si vede esercitata nelle opere e nelle azioni di ogni giorno ...
Socrate non faceva disporre sedili per gli uditori, non si sedeva in una cattedra professorale, non aveva un orario fisso per discutere o passeggiare con i suoi discepoli.
Ma scherzando con loro, bevendo o andando alla guerra o in piazza, e alla fine andando in prigione e bevendo il veleno, egli ha fatto filosofia.
E' stato il primo a dimostrare che, con ogni tempo e in ogni luogo, in tutto ciò che ci accade e in tutto ciò che facciamo, la vita quotidiana dà la possibilità di filosofare.

Plutarco, Se un anziano debba fare politica, 26

 

Socrate (470-399 a.C.) nacque e visse ad Atene.
Venne condannato a morte da un tribunale democratico.
Filosofo.
Fu maestro di Platone.

 

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Martius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
 

 

 

1
D
NP


Kalendis Martiis

Matronalia


Processio Saliorum

2
E
Fas

ante diem VI
Nonas
Martias

3
F
Comitialis

ante diem V
Nonas
Martias

4
G
Comitialis

ante diem IV
Nonas
Martias
5
H
Comitialis

ante diem III
Nonas
Martias

Navigium Isidis

6
A
Comitialis
pridie
Idus
Martias
7
B
Fas


Nonis Martiis
8
C
Fas

ante diem VIII
Idus
Martias
9
D
Comitialis

ante diem VII
Idus
Martias

Processio Saliorum
10
E
Comitialis

ante diem VI
Idus
Martias

11
F
Comitialis
ante diem V
Idus
Martias

12
G
Comitialis

ante diem IV
Idus
Martias

13
H
EN
ante diem III
Idus
Martias

14
A
NP
pridie
Idus
Martias

Equirria

II die

15
B
NP
Idibus Martiis



Anna Perenna


Attis

16
C
Fas

ante diem XVII
Kalendas
Apriles

17
D
NP
ante diem XVI
Kalendas
Apriles

Liberalia

Agonalia Martis


18
E
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Apriles

19
F
NP

ante diem XIV
Kalendas
Apriles

Quinquatrus Maiores
I die


Armilustrium

† S. Joseph Sponsi
B. Mariae Virginis

20
G
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Apriles

Quinquatrus
Maiores
II die

Pelusia

 

21
H
Comitialis

ante diem XII
Kalendas
Apriles

Quinquatrus
Maiores
III die

22
A
Fas

ante diem XI
Kalendas
Apriles

Quinquatrus
Maiores
IV die


Hilaria
I die
Arbor Intrat

23
B
NP
ante diem X
Kalendas
Apriles

Quinquatrus
Maiores
V die


Hilaria
II die



Tubilustrium

Processio Saliorum

24
C
Fas
ante diem IX
Kalendas
Apriles

Q.R.C.F.



Hilaria
III die

Sanguis

25
D
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Apriles





Hilaria
IV die


† In
Annuntiatione
Domini

26
E
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Apriles

Hilaria
V die

Requietio

27
F
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Apriles

Hilaria
VI die

Lavatio

28
G
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Apriles
29
H
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Apriles

30
A
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Apriles

Salus Publica,
Concordia et Pax

31
B
Comitialis

pridie
Kalendas
Apriles

Templum Lunae
in
Aventino

 
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Martius

 

PORFIRIO DI TIRO

 

Dio assista ogni azione, ogni opera e parola, osservando e vegliando su di esse.
Di tutti i beni che noi facciamo riteniamone causa Dio.
Dei mali che abbiamo scelto noi siamo colpevoli, Dio non ne ha colpa.

Porfirio, Lettera a Marcella, 12

 

Non tenere in alcun conto quelle cose di cui non avrai bisogno quando sarai separata dal corpo;
e invoca Dio perché ti sia di aiuto nell'esercitarti in quelle cose di cui avrai bisogno una volta separata dal corpo.

Porfirio, Lettera a Marcella, 12

 

E' impossibile amare nello stesso tempo Dio, il piacere e il corpo.
perché chi ama il piacere ama anche il corpo,
chi ama il corpo ama anche il denaro,
chi ama il denaro è necessariamente ingiusto,
e chi è ingiusto è empio verso Dio e i propri padri
ed agisce illegalmente nei confronti degli altri.

Porfirio, Lettera a Marcella, 14

 

Non la lingua del sapiente è in onore presso Dio, ma le sue opere.
Porfirio, Lettera a Marcella, 16

 

Chi onora Dio come se avesse bisogno di qualcosa,
senza accorgersene ritiene di essere superiore a Dio.

Porfirio, Lettera a Marcella, 18

 

Il tempio di Dio sia l'intelletto che è in te,
bisogna prepararlo ed ornarlo per una accoglienza adatta a Dio.

Porfirio, Lettera a Marcella, 19

 

Se tu avrai sempre davanti alla tua mente
che là dove la tua anima camminerà e renderà attivo il tuo corpo,
ti sarà vicino Dio che veglia in tutte le tue decisioni e le tue azioni
e avrai religioso rispetto davanti a questo testimone che niente dimentica,
allora avrai Dio compagno nella tua casa.

Porfirio, Lettera a Marcella, 20

 

Porfirio (235-305 d.C.) nacque a Tiro, nell'odierno Libano.
Filosofo neoplatonico.
Studiò ad Atene e fu allievo di Plotino a Roma.
Insegnò a Roma.

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Aprilis
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
       

 

 

 

1
C
Fas


Kalendis Aprilibus

Venus Verticordia

Fortuna Virilis

2
D
Fas

ante diem IV
Nonas
Apriles


3
E
Comitialis

ante diem III
Nonas
Apriles

4
F
Comitialis

pridie
Nonas
Apriles

Ludi Megalenses
I die


Magna Mater

5
G
Nefas


Nonis Aprilibus



Ludi Megalenses
II die

Magna Mater


Templum Fortunae
Publicae
Citerior in Colle

† In Coena Domini

6
H
Nefas

ante diem VIII
Idus
Apriles

Ludi Megalenses
III die


Magna Mater

† In Passione
Domini

7
A
Nefas

ante diem VII
Idus
Apriles

Ludi Megalenses
IV die


Magna Mater

† Sabbato Sancto

8
B
Nefas

ante diem VI
Idus
Apriles

Ludi Megalenses
V die


Magna Mater

† Dominica Paschae
in Resurrectione
Domini

9
C
Nefas

ante diem V
Idus
Apriles

Ludi
Megalenses
VI die


Magna Mater

10
D
Nefas

ante diem IV
Idus
Apriles

Ludi
Megalenses
VII die


Magna Mater

11
E
Nefas
ante diem III
Idus
Apriles

Templum
Magnae Matris
in Palatino

12
F
Nefas

pridie
Idus
Apriles

Ludi Ceriales
I die

13
G
NP


Idibus Aprilibus


Ludi Ceriales
II die

Templum
Iovis Victoris
in Quirinale

 

14
H
Nefas

ante diem XVIII
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
III die

 

15
A
NP

ante diem XVII
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
IV die


Fordicidia

 

16
B
Nefas

ante diem XVI
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
V die


17
C
Nefas

ante diem XV
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
VI die
18
D
Nefas

ante diem XIV
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
VII die

19
E
NP
ante diem XIII
Kalendas
Maias

Ludi Ceriales
VIII die


Cerialia

Templum Cereris
Liberi Liberae
in Aventino

20
F
Nefas

ante diem XII
Kalendas
Maias

21
G
NP
ante diem XI
Kalendas
Maias

Natalis Romae


Parilia

22
H
Nefas

ante diem X
Kalendas
Maias

23
A
Fas

ante diem IX
Kalendas
Maias

Vinalia Priora

Templum Veneris Ericinae apud
Portam Collinam



24
B
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Maias

25
C
NP
ante diem VII
Kalendas
Maias

Robigalia

Serapia

26
D
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Maias
27
E
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Maias
28
F
NP

ante diem IV
Kalendas
Maias

Ludi Florales
I die


Templum Florae
in Quirinale
29
G
Comitialis

ante diem III
Kalendas
Maias

Ludi Florales
II die
30
H
Comitialis
pridie
Kalendas
Maias

Ludi Florales
III die

           
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Aprilis

 

SENECA

 

In verità esiste per noi un termine nel punto in cui lo ha fissato l'inesorabile necessità di ogni singolo destino, ma nessuno di noi sa quanto egli è vicino a quel termine. Disponiamo pertanto il nostro animo come se già fossimo giunti a quel limite estremo. Non rimandiamo nulla, mettiamo ogni giorno i conti in pareggio con la vita.
Seneca, Lettere a Lucilio, 101.7

Al momento di andare a dormire, diciamo nella gioia e nell'allegria: "Ho vissuto, ho percorso il cammino assegnatomi dalla fortuna".
Se un dio ci concede ancora un domani, riceviamolo con allegria.
E' pienamente felice, ha il tranquillo dominio di sé colui che attende il domani senza irrequietezza.

Seneca, Lettere a Lucilio, 12.9

Non incappiamo nella morte all'improvviso, ma procediamo gradualmente verso di lei. Moriamo ogni giorno. Infatti giorno dopo giorno ci è tolta una parte della vita e persino quando cresciamo la vita decresce.
Seneca, Lettere a Lucilio, 24.19-20

 

Seneca (4 a.C.-65 d.C.) nacque a Cordoba in Spagna.
Filosofo stoico.
Fu tutore e poi consigliere di Nerone.
Caduto in disgrazia venne condannato a morte.

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Maius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
 

1
A
NP


Kalendis Maiis



Ludi Florales
IV die

Templum
Bonae Deae
in Aventino

2
B
Fas

ante diem VI
Nonas
Maias

Ludi Florales
V die

3
C
Comitialis

ante diem V
Nonas
Maias

Ludi Florales
Circenses

Templum Florae
in Quirinale

4
D
Comitialis

ante diem IV
Nonas
Maias

5
E
Comitialis

ante diem III
Nonas
Maias

6
F
Comitialis

pridie
Idus
Maias
7
G
Fas


Nonis Maiis

8
H
Fas

ante diem VIII
Idus
Maias
9
A
Nefas

ante diem VII
Idus
Maias

Lemuria
I die


10
B
Comitialis

ante diem VI
Idus
Maias


11
C
Nefas
ante diem V
Idus
Maias

Lemuria
II die

12
D
Comitialis

ante diem IV
Idus
Maias

Templum Martis
Ultoris
in Capitolio

Ludi Martiales
Circenses
13
E
NP
ante diem III
Idus
Maias


Lemuria
III die
14
F
Comitialis

pridie
Idus
Maias

Argei


15
G
Nefas


Idibus Maiis


Mercuralia

Templum Mercurii
in Aventino

16
H
Fas

ante diem XVII
Kalendas
Iunias

17
A
Comitialis
ante diem XVI
Kalendas
Iunias

Dea Dia

† In Ascensione
Domini

18
B
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Iunias

19
C
Comitialis

ante diem XIV
Kalendas
Iunias

20
D
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Iunias

21
E
NP
ante diem XII
Kalendas
Iunias

Agonalia Vediovis

 

22
F
Fas

ante diem XI
Kalendas
Iunias

23
G
NP
ante diem X
Kalendas
Iunias

Tubilustrium

24
H
Fas

ante diem IX
Kalendas
Iunias

Q.R.C.F.

25
A
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Iunias

Templum Fortunae
Publicae
in colle Quirinali

 

26
B
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Iunias

27
C
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Iunias

Ambarvalia

† Dominica
Pentecostes

28
D
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Iunias

29
E
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Iunias

Ambarvalia

30
F
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Iunias

Ambarvalia

31
G
Comitialis
pridie
Kalendas
Iunias

 

 

 

 

 

 

Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Maius

 

MARCO AURELIO

 

Agire, parlare, pensare sempre, come chi può in qualsiasi momento uscire dalla vita.
Marco Aurelio, I ricordi, 2.11

Compi ogni azione della tua vita come fosse l'ultima, tenendoti lontano da ogni superficialità e opposizione emotiva al dominio della ragione, qualunque ipocrisia, egoismo e malcontento per tutto ciò che il destino ti ha portato.
Marco Aurelio, I ricordi, 2.5

La perfezione del carattere consiste in questo: vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo, senza agitazione e senza inerzia.
Marco Aurelio, I ricordi, 7.69

 

Marco Aurelio (121-180 d.C.) nacque a Roma.
Nel 161 divenne imperatore.
Filosofo stoico.

 

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Iunius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
   

 

 

 

1
H
Nefas

Kalendis Iuniis



Carnaria


Templum Martis
apud
Portam.Capenam


Templum Tempestatis

Templum Iunonis
Monetae

in Capitolio

2
A
Fas

ante diem IV
Nonas
Iunias
3
B
Comitialis

ante diem III
Nonas
Iunias

Templum Bellonae
ad Circum Flaminium

4
C
Comitialis

pridie
Nonas
Iunias

Templum Herculis
Magni Custodis
ad Circum Flaminium


5
D
Nefas


Nonis Iuniis



Templum Semonis
Sancus Dii Fidii
in Quirinale

6
E
Comitialis

ante diem VIII
Idus
Iunias

7
F
Comitialis

ante diem VII
Idus
Iunias

Piscatorii
Ludi

† SS. Corporis
et Sanguinis Christi

8
G
Comitialis

ante diem VI
Idus
Iunias

Templi Mentis
in Capitolio

9
H
Nefas

ante diem V
Idus
Iunias

Vestalia

10
A
Nefas

ante diem IV
Idus
Iunias

11
B
Nefas
ante diem III
Idus
Iunias

Matralia

Templum Fortunae
in Foro Boario

 

12
C
Comitialis

pridie
Idus
Iunias

13
D
NP


Idibus Iuniis



Quinquatrus
Minores
I die

Templum Iovis
Invicti

14
E
Nefas

ante diem XVIII
Kalendas
Iulias

Quinquatrus
Minores
II die
15
F
Fas

ante diem XVII
Kalendas
Iulias

Quinquatrus
Minores
III die


Q.ST.D.


16
G
Comitialis

ante diem XVI
Kalendas
Iulias
17
H
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Iulias

18
A
Comitialis

ante diem XIV
Kalendas
Iulias

 

19
B
Comitialis
ante diem XIII
Kalendas
Iulias

Templum Minervae
in Palatino
20
C
Comitialis

ante diem XII
Kalendas
Iulias

21
D
Comitialis
ante diem XI
Kalendas
Iulias

 

22
E
Comitialis

ante diem X
Kalendas
Iulias

23
F
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Iulias

† SS. Cordis Iesu

24
G
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Iulias

Fors Fortuna

† In Nativitate
S. Joannis Baptistae

25
H
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Iulias

26
A
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Iulias

27
B
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Iulias

Aedes Larium
in Via Sacra


Templum Iovis
Statoris
in Via Sacra


28
C
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Iulias

29
D
Comitialis

ante diem III
Kalendas
Iulias

Templum Quirini
in Quirinale

† Ss. Petri et Pauli
Apostolorum

30
E
Comitialis
pridie
Kalendas
Iulias


Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Iunius

 

PLOTINO

 

Se non riesci a vedere la tua propria bellezza, fa come lo scultore di una statua che deve riuscire bella: toglie questo, raschia quello, leviga in quel punto, pulisce quell'altro, fino a fare apparire il bel viso nella statua.
Nello stesso modo, anche tu togli tutto ciò che è superfluo, raddrizza tutto ciò che è storto, purificando tutto ciò che è oscuro per renderlo lucente, e non cessare di scolpire la tua propria statua fino a che non brillerà in te la chiarezza divina della virtù.

Plotino, Enneadi, 1.6(1).9

 

Plotino (205-270 d.C.) nacque a Licopoli in Egitto.
Studiò filosofia ad Alessandria. Fu discepolo di Ammonio Sacca.
Nel 245 iniziò il suo insegnamento a Roma.
Fu il fondatore della filosofia neoplatonica.

 

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Iulius
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
       

 

 


1
F
Nefas


Kalendis Iuliis

Iuno Felicitas
2
G
Nefas

ante diem VI
Nonas
Iulias

3
H
Nefas

ante diem V
Nonas
Iulias
4
A
Nefas

ante diem IV
Nonas
Iulias

5
B
NP

ante diem III
Nonas
Iulias

Poplifugia

6
C
Nefas

pridie
Idus
Iulias

Templum Fortunae
Muliebris
in via Latina

Ludi Apollinares
I die
7
D
Nefas


Nonis Iuliis


Nonae Caprotinae



Ludi Apollinares
II die
8
E
Nefas

ante diem VIII
Idus
Iulias

Vitulatio
I die


Ludi Apollinares
III die
9
F
Nefas

ante diem VII
Idus
Iulias

Vitulatio
II die


Ludi Apollinares
IV die


10
G
Comitialis

ante diem VI
Idus
Iulias


Ludi Apollinares
V die

11
H
Comitialis
ante diem V
Idus
Iulias

Ludi Apollinares
VI die

12
A
Comitialis

ante diem IV
Idus
Iulias

Ludi Apollinares
VII die
13
B
Comitialis
ante diem III
Idus
Iulias


Ludi Apollinares
VIII die


Templum Apollinis

14
C
Comitialis
pridie
Idus
Iulias

15
D
NP
Idibus Iuliis



Honor et Virtus

Castor et Pollux

16
E
Comitialis

ante diem XVII
Kalendas
Augustas

17
F
Fas
ante diem XVI
Kalendas
Augustas
18
G
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Augustas

19
H
NP
ante diem XIV
Kalendas
Augustas

Lucaria
I die

20
A
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Augustas

21
B
NP

ante diem XII
Kalendas
Augustas

Lucaria
II die


Ludi Victoriae
Caesaris
I die

22
C
Comitialis
ante diem XI
Kalendas
Augustas




Ludi Victoriae
Caesaris
II die

23
D
NP
ante diem X
Kalendas
Augustas

Neptunalia


Ludi Victoriae
Caesaris
III die


24
E
Comitialis
ante diem IX
Kalendas
Augustas



Ludi Victoriae
Caesaris
IV die
25
F
NP

ante diem VIII
Kalendas
Augustas

Furrinalia

Ludi Victoriae
Caesaris
V die
26
G
Nefas

ante diem VII
Kalendas
Augustas



Ludi Victoriae
Caesaris
VI die
27
H
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Augustas



Ludi Victoriae
Caesaris
VII die
28
A
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Augustas



Ludi Victoriae
Caesaris
VIII die
29
B
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Augustas



Ludi Victoriae
Caesaris
IX die
30
C
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Augustas

Ludi Victoriae
Caesaris
X die


31
D
Comitialis

pridie
Kalendas
Augustas

Ludi Victoriae
Caesaris
XI die
         
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Iulius

 

EPITTETO

 

Non cercare di fare in modo che ciò che avviene avvenga come tu lo desideri, ma desidera ciò che avviene come avviene e sarai felice.
Epitteto, Manuale, 8

Ricordati che sei un attore che interpreta una parte in un dramma che è come lo vuole il drammaturgo. Una parte breve, se vuole che sia breve, lunga, se vuole che sia lunga. Se vuole che tu interpreti la parte di un mendicante, bada di interpretare con bravura questo ruolo; oppure quella di uno zoppo, o di un magistrato, o di un privato cittadino. Infatti il tuo compito è questo: interpretare bene il ruolo che ti è stato assegnato. Ma scegliere questo ruolo spetta a qualcun altro.
Epitteto, Manuale, 17

Ciò che porta alla perfezione nel modo di vivere è di trascorrere ogni giorno come fosse l'ultimo.
Epitteto, Manuale, 21

 

Epitteto (50-130 d.C.) nacque a Ierapoli in Frigia, nell'odierna Turchia.
Condotto schiavo a Roma, venne avviato agli studi filosofici da un liberto di Nerone.
Seguace dello stoicismo, insegnò a Roma.
Nel 90 d.C. venne esiliato dall'imperatore Domiziano.
Morì a Nicopoli in Epiro, nell'odierna Grecia.

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
Augustus
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies

 

 

 

1
E
Fas


Kalendis Augustis

Templum Martis Ultoris
in Foro Augusti


Templum Spei

2
F
Fas

ante diem IV
Nonas
Augustas
3
G
Comitialis

ante diem III
Nonas
Augustas

4
H
Comitialis

pridie
Nonas
Augustas

5
A
Fas


Nonis Augustis



Templum Salutis

6
B
Fas

ante diem VIII
Idus
Augustas

7
C
Comitialis

ante diem VII
Idus
Augustas


8
D
Comitialis

ante diem VI
Idus
Augustas

9
E
Comitialis
ante diem V
Idus
Augustas

Templum Solis
Indigetis

10
F
Comitialis
ante diem IV
Idus
Augustas

11
G
Comitialis
ante diem III
Idus
Augustas

12
H
Comitialis

pridie
Idus
Augustas

Templum Herculis
Invicti


Templum Veneris
Victricis


Templum Hermetis
Invicti


Templum Honoris,
Virtutis Felicitatis


Lychnapsia
13
A
NP


Idibus Augustis



Templum Herculis
Victoris


Templum Dianae


Templum Florae


Templum Castoris et Pollucis

Vertumnalia

14
B
Fas

ante diem XIX
Kalendas
Septembres


15
C
Comitialis

ante diem XVIII
Kalendas
Septembres

† In Assumptione
B. Mariae Virginis


16
D
Comitialis

ante diem XVII
Kalendas
Septembres
17
E
NP

ante diem XVI
Kalendas
Septembres

Portunalia


Ianus
18
F
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Septembres

19
G
NP
ante diem XIV
Kalendas
Septembres

Vinalia Rustica
I die


Templum Veneris

20
H
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Septembres

Vinalia Rustica
II die


21
A
NP

ante diem XII
Kalendas
Septembres

Consualia

22
B
EN

ante diem XI
Kalendas
Septembres

23
C
NP

ante diem X
Kalendas
Septembres

Volcanalia

24
D
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Septembres

Mundus Patet

25
E
NP

ante diem VIII
Kalendas
Septembres

Opiconsivia

26
F
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Septembres
27
G
NP

ante diem VI
Kalendas
Septembres

Volturnalia

28
H
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Septembres
29
A
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Septembres

30
B
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Septembres

31
C
Comitialis

pridie
Kalendas
Septembres
 

Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
Augustus

 

ERMETE TRISMEGISTO

 

L'intelletto non è ritagliato dalla sostanzialità di Dio, ma ne è, per così dire, diffuso, come la luce si diffonde dal sole.
Negli uomini l'intelletto è Dio; perciò alcuni uomini sono dèi e la loro umanità è strettamente congiunta allla divinità.
Infatti il Buon Demone ha chiamato gli dèi uomini immortali e gli uomini dèi mortali.

Ermete Trismegisto, Corpus Hermeticum, XII, 1 - Discorso di Ermete Trismegisto a Tat sull'intelletto comune

Dio crea tutte le cose da se stesso e tutte le cose sono parti di Dio, Dio è tutto.
Poiché crea tutte le cose, crea anche se stesso e non può smettere di creare, come non può smettere di essere.
E come Dio non ha fine, così la sua opera non ha inizio né fine.

Ermete Trismegisto, Corpus Hermeticum, XVI, 19 - Definizioni di Asclepio al re Ammone

Gli uomini che verranno dopo di noi, ingannati dall'astuzia dei sofisti, saranno deviati dalla vera, pura e santa filosofia.
Adorare la divinità con spirito e animo semplice, venerare le sue opere, rendere grazie alla volontà di Dio, l'unico che è tutto ricolmo di bontà, questa è la filosofia non contaminata da alcuna inopportuna curiosità della mente.

Ermete Trismegisto, Corpus Hermeticum, Asclepio, 14

 

Il Corpus Hermeticum comprende testi del II-III secolo d.C.
Vennero attribuiti a Ermete Trismegisto, identificato con il dio egizio Toth 'tre volte Grande'.


 

 

Torna all'inizio

 


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
September
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
     

 


 

1
D
Fas


Kalendis
Septembribus

2
E
Fas

ante diem IV
Nonas
Septembres
3
F
Comitialis

ante diem III
Nonas
Septembres

4
G
Comitialis

pridie
Nonas
Septembres

Ludi Romani
I die

5
H
Fas


Nonis
Septembribus


Ludi Romani
II die

6
A
Fas

ante diem VIII
Idus
Septembres

Ludi Romani
III die
7
B
Comitialis

ante diem VII
Idus
Septembres

Ludi Romani
IV die

8
C
Comitialis
ante diem VI
Idus
Septembres

Ludi Romani
V die

9
D
Comitialis
ante diem V
Idus
Septembres

Ludi Romani
VI die
10
E
Comitialis

ante diem IV
Idus
Septembres

Ludi Romani
VII die


11
F
Comitialis
ante diem III
Idus
Septembres

Ludi Romani
VIII die

12
G
Comitialis
- Fas
pridie
Idus
Septembres

Ludi Romani
IX die

13
H
NP


Idibus
Septembribus


Ludi Romani
Dies natalis


Epulum Iovis

Templum Iovis
in Capitolio

14
A
Fas

ante diem XVIII
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
Dies ater
15
B
Comitialis - Fas
ante diem XVII
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
XII die
16
C
Comitialis
ante diem XVI
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
XIII die
17
D
Comitialis
ante diem XV
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
XIV die


18
E
Comitialis
ante diem XIV
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
XV die

19
F
Comitialis
ante diem XIII
Kalendas
Octobres

Ludi Romani
XVI die

20
G
Comitialis
ante diem XII
Kalendas
Octobres

21
H
Comitialis
ante diem XI
Kalendas
Octobres

22
A
Comitialis

ante diem X
Kalendas
Octobres

23
B
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Octobres

24
C
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Octobres

25
D
Comitialis
ante diem VII
Kalendas
Octobres
26
E
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Octobres

Templum Veneris
Genetricis

27
F
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Octobres
28
G
Comitialis
ante diem IV
Kalendas
Octobres

29
H
Comitialis

ante diem III
Kalendas
Octobres

30
A
Comitialis
pridie
Kalendas
Octobres

Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
September

 

PITAGORA

 

Il primo che usò il termine "filosofia" e che chiamò se stesso "filosofo" è stato Pitagora ...
Nessuno è sapiente tranne Dio ...
Troppo facilmente si dava il nome di sapienza e si chiamava sapiente chi la professava, ossia colui che aveva raggiunto la perfezione nel profondo dell'anima, mentre filosofo è colui che aspira alla sapienza.

Diogene Laerzio, Vite e dottrine dei più celebri filosofi, 1.12

Si racconta che Pitagora sia stato il primo a dare a se stesso il nome di "filosofo". Ma non soltanto adottò un nome; in più fornì preventivamente utili spiegazioni circa il contenuto della nozione, che era a lui peculiare.
A suo dire gli uomini arrivano alla vita allo stesso modo in cui la folla va alle solenni riunioni festive.
Infatti lì si recano persone di ogni genere, ognuna con un diverso scopo: uno per vendere la propria merce e guadgnare denaro, un altro a far mostra del suo vigore fisico, in cerca di gloria; c'è poi un terzo genere di persone, che è il più nobile di tutti, che si raduna in quelle occasioni per vedere i luoghi, le belle opere, i detti e gli atti eccellenti che nelle riunioni festive è consuetudine vengano mostrati.
Ebbene allo stesso modo anche nella vita le persone dalle più diverse aspirazioni si radunano nello stesso luogo: alcuni sono presi dalla brama di denaro e di lussuosa mollezza, altri sono dominati dal desiderio di potere e di comando, nonché da folli ambizioni di gloria.
Mentre il terzo tipo d'uomo più puro è quello che ha scelto la contemplazione delle cose più nobili: è questo uomo che Pitagora chiamava filosofo.

Giamblico, La vita pitagorica, 58

 

Pitagora (575-490 a.C.) nacque a Samo, in Grecia, e morì a Metaponto, in Italia.
Studiò in Egitto e in Mesopotamia.
Filosofo e matematico.
Insegnò a Crotone e a Metaponto.

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
October
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
1
B
Nefas


Kalendis
Octobribus


Fides et Honor

Tigillum Sororium


2
C
Fas

ante diem VI
Nonas
Octobres

3
D
Comitialis

ante diem V
Nonas
Octobres

Augustalia
I die

4
E
Comitialis

ante diem IV
Nonas
Octobres

Augustalia
II die


Ieiunium Cereris

5
F
Comitialis

ante diem III
Nonas
Octobres


Augustalia
III die


Mundus Patet
Mania

6
G
Comitialis
pridie
Idus
Octobres

Augustalia
IV die


7
H
Fas


Nonis
Octobribus

Augustalia
V die
8
A
Fas

ante diem VIII
Idus
Octobres

Augustalia
VI die

9
B
Comitialis

ante diem VII
Idus
Octobres

Augustalia
VII die


Templum Apollinis
Palatini


Felicitas
10
C
Comitialis

ante diem VI
Idus
Octobres

Augustalia
VIII die

11
D
NP
ante diem V
Idus
Octobres

Augustalia
IX die


Meditrinalia

12
E
Comitialis

ante diem IV
Idus
Octobres

Augustalia
X die
13
F
NP
ante diem III
Idus
Octobres

Fontinalia

14
G
EN
pridie
Idus
Octobres

15
H
NP
Idibus
Octobribus


October Equus

16
A
Fas

ante diem XVII
Kalendas
Novembres

17
B
Comitialis
ante diem XVI
Kalendas
Novembres

18
C
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Novembres

19
D
NP
ante diem XIV
Kalendas
Novembres

Armilustrium

20
E
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Novembres

21
F
Comitialis

ante diem XII
Kalendas
Novembres

22
G
Comitialis

ante diem XI
Kalendas
Novembres

23
H
Comitialis
ante diem X
Kalendas
Novembres

Templum Apollinis
in Campo Martio

24
A
Comitialis
ante diem IX
Kalendas
Novembres

25
B
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Novembres
26
C
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
I die
27
D
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
II die
28
E
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
III die


Isia
I die
29
F
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
IV die


Isia
II die


30
G
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
V die


Isia
III die

31
H
Comitialis

pridie
Kalendas
Novembres

Ludi Victoriae
Sullanae
VI die

Isia
IV die
       
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
October

 

ORACOLI CALDAICI

 

Esiste un Intellegibile che bisogna concepire con il fiore dell'intelletto.
Perché se tu inclini verso di lui il tuo intelletto e cerchi di concepirlo come se tu concepissi un oggetto determinato non lo concepiresti.
Perché egli è la forza irradiante che brilla con lampi intellettivi.
Non bisogna dunque concepire questo Intellegibile con veemenza, ma tramite la fiamma sottile di un sottile intelletto, che misura tutte le cose salvo questo Intellegibile.
Non bisogna concepirlo con intensità, ma portandovi lo sguardo puro della tua anima allontanata dal sensibile.
Tendere verso l'Intellegibile un intelletto vuoto di pensiero.
Infine apprendere a conoscere l'Intellegibile, perché egli sussiste fuori dalle capacità di comprensione dell'intelletto umano.

Oracoli caldaici, fr. 1 Des Places = p.1 Kroll = Damascius, I, 154, 16-26

 

Gli Oracoli caldaici furono composti verso la fine del II secolo d.C.
L'autore è sconosciuto, forse Giuliano il Caldeo o suo figlio Giuliano il Teurgo.
Dell'opera sono rimasti solo pochi frammenti.

 

 

 

Torna all'inizio


 

2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
November
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
 

 

 

 

1
A
Fas


Kalendis
Novembribus


Ludi Victoriae
Sullanae
VII die

Isia
V die


† Omnium Sanctorum

2
B
Fas

ante diem IV
Nonas
Novembres





Isia
VI die


† In Commemoratione
Omnium Fidelium

Defunctorum

3
C
Comitialis

ante diem III
Nonas
Novembres





Isia
VII die

4
D
Comitialis

pridie
Nonas
Novembres

Ludi plebeii
I die

5
E
Fas


Nonis
Novembribus


Ludi plebeii
II die


6
F
Fas

ante diem VIII
Idus
Novembres

Ludi plebeii
III die
7
G
Comitialis

ante diem VII
Idus
Novembres

Ludi plebeii
IV die

8
H
Comitialis
ante diem VI
Idus
Novembres

Ludi plebeii
V die


Mundus Patet Mania

9
A
Comitialis
ante diem V
Idus
Novembres

Ludi plebeii
VI die

10
B
Comitialis
ante diem IV
Idus
Novembres

Ludi plebeii
VII die


11
C
Comitialis
ante diem III
Idus
Novembres

Ludi plebeii
VIII die

12
D
Comitialis

pridie
Idus
Novembres

Ludi plebeii
IX die


13
E
NP


Idibus
Novembribus


Ludi plebeii
X die


Epulum Iovis

Feronia

Templum Fortunae
Primigeniae
in Colle


Templum Pietatis
14
F
Fas

ante diem XVIII
Kalendas
Decembres

Ludi plebeii
XI die
15
G
Comitialis

ante diem XVII
Kalendas
Decembres

Ludi plebeii
XII die
16
H
Comitialis
ante diem XVI
Kalendas
Decembres

Ludi plebeii
XIII die
17
A
Comitialis
ante diem XV
Kalendas
Decembres

Ludi plebeii
XIV die
18
B
Comitialis
ante diem XIV
Kalendas
Decembres

Mercatus
I die
19
C
Comitialis
ante diem XIII
Kalendas
Decembres

Mercatus
II die


20
D
Comitialis
ante diem XII
Kalendas
Decembres

Mercatus
III die

21
E
Comitialis
ante diem XI
Kalendas
Decembres

22
F
Comitialis

ante diem X
Kalendas
Decembres

23
G
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Decembres

24
H
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Decembres

25
A
Comitialis
ante diem VII
Kalendas
Decembres

26
B
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Decembres

27
C
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Decembres
28
D
Comitialis
ante diem IV
Kalendas
Decembres
29
E
Comitialis

ante diem III
Kalendas
Decembres

30
F
Comitialis
pridie
Kalendas
Decembres

 

Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
November

 

PLINIO IL VECCHIO

 

Il mondo, questo insieme che ci si è compiaciuti di chiamare anche in modo diverso, il "cielo", la cui volta copre la vita di tutto l'universo, va considerato una divinità, eterna, senza inizio e senza fine.
Scrutare ciò che sta fuori di esso non importa all'uomo e sfugge alle congetture della mente umana.
Il mondo è sacro, eterno immenso, tutt'intero in ogni cosa, o piuttosto è il Tutto, infinito che sembra finito, determinato in ogni cosa che sembra indeterminata, al di dentro, al di fuori, abbracciante tutto in lui, è al contempo l'opera della natura e la natura stessa.

Plinio il Vecchio, Storia naturale, II, 1-2

 

Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) nacque a Como.
Morì a Castellammare di Stabia in seguito alla eruzione del Vesuvio.
Storico e scienziato.

 

 

 

Torna all'inizio


2007 - ANNO MMDCCLX AB URBE CONDITA
December
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
     

 


 
1
G
Nefas


Kalendis
Decembribus


Neptunus

Pietas

2
H
Nefas

ante diem IV
Nonas
Decembres
3
A
Nefas

ante diem III
Nonas
Decembres

Bona dea


4
B
Comitialis

pridie
Nonas
Decembres

5
C
Fas


Nonis
Decembribus


Faunalia Rustica
I die

6
D
Fas

ante diem VIII
Idus
Decembres

Faunalia Rustica
II die
7
E
Comitialis

ante diem VII
Idus
Decembres

Faunalia Rustica
III die
8
F
Comitialis

ante diem VI
Idus
Decembres

Faunalia Rustica
IV die


Tiberinalia

† In
Conceptione Immaculata
B. Mariae Virginis
9
G
Comitialis
ante diem V
Idus
Decembres

10
H
Comitialis

ante diem IV
Idus
Decembres

Septimontium
Agonalia
I die


11
A
NP
ante diem III
Idus
Decembres

Septimontium
Agonalia
II die


Templum Solis
Indigetis


Ianus
12
B
EN

pridie
Idus
Decembres

Septimontium
Agonalia
III die

13
C
NP


Idibus
Decembribus

Templum Telluris

Lectisternium
Cereris et Telluris

14
D
Fas

ante diem XIX
Kalendas
Ianuarias
15
E
NP

ante diem XVIII
Kalendas
Ianuarias

Consualia

Fortuna Redux
16
F
Comitialis

ante diem XVII
Kalendas
Ianuarias
17
G
NP

ante diem XVI
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia

I die


18
H
Comitialis

ante diem XV
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
II die

19
A
NP

ante diem XIV
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
III die


Opalia

20
B
Comitialis

ante diem XIII
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
IV die
21
C
NP

ante diem XII
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
V die


Divalia vel
Angeronalia
22
D
Comitialis

ante diem XI
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
VI die
23
E
NP

ante diem X
Kalendas
Ianuarias

Saturnalia
VII die


Larentalia

Templum Solis
Invicti

Brumaia

24
F
Comitialis

ante diem IX
Kalendas
Ianuarias


25
G
Comitialis

ante diem VIII
Kalendas
Ianuarias

Dies Natalis
Solis Invicti


† In Nativitate Domini

26
H
Comitialis

ante diem VII
Kalendas
Ianuarias
27
A
Comitialis

ante diem VI
Kalendas
Ianuarias
28
B
Comitialis

ante diem V
Kalendas
Ianuarias
29
C
Comitialis

ante diem IV
Kalendas
Ianuarias

30
D
Comitialis
ante diem III
Kalendas
Ianuarias

31
E
Comitialis

pridie
Kalendas
Ianuarias

           
Lunae dies
Martis dies
Mercurii dies
Iovis dies
Veneris dies
Saturni dies
Solis dies
December

 

FLAVIO CLAUDIO GIULIANO

 

E voi gente vivete nella reciproca concordia e fate che nessuno sia ostile o agisca ingiustamente. Quanti tra voi hanno deviato non oltraggino quelli che servono gli dèi in maniera retta e giusta, secondo le tradizioni che ci sono pervenute dall'inizio dei secoli.
Quanti tra voi servono gli dèi non oltraggino o saccheggino le case di quelli che hanno deviato più per ignoranza che di proposito.
Gli uomini devono essere persuasi e istruiti con la ragione, non con percosse o con insulti o maltrattamenti fisici ...
Bisogna commiserare piuttosto che odiare coloro che si trovano, riguardo alle cose supreme, su una cattiva strada.
Infatti il supremo dei beni è la religione, mentre il supremo dei mali è l'irreligiosità.

Flavio Claudio Giuliano, Agli abitanti di Bosra [nell'odierna Siria] 438

 

Flavio Claudio Giuliano (331-363 d.C.) nacque a Costantinopoli.
Fu imperatore dal 360.
Tentò di restaurare l'antica religione ellenica.
Filosofo neoplatonico.
Morì a Ctesifonte, nell'odierno Iraq, ucciso in battaglia da una lancia romana, forse cristiana.

 

 

 

Torna all'inizio


 

 

Ti rendiamo grazie, o Altissimo, che superi infinitamente ogni cosa.

Per tua grazia infatti abbiamo ottenuto la luce immensa della tua conoscenza, o nome santo e da amare, nome unico, per il quale Dio solo deve essere benedetto dalla religione dei nostri padri, poiché tu ti degni di offrire a tutti il tuo affetto paterno, le tue cure, il tuo amore e qualunque altra più dolce grazia esista, donandoci l'intelletto, la ragione e la conoscenza intellettiva.

Ci doni l'intelletto perché possiamo conoscerti, la ragione affinché tu sia l'oggetto del nostro indagare con le nostre intuizioni, la conoscenza affinché, conoscendoti, possiamo gioirne.

Ci rallegriamo, salvati dalla tua potenza divina, poiché ti sei interamente rivelato a noi; ci rallegriamo poiché ti sei degnato di consacrarci, mentre siamo ancora nei nostri corpi, all'eternità.

Questo è il solo modo per l'uomo di renderti grazie: conoscere la tua maestà.

Abbiamo conosciuto te e la tua immensa luce, percepibile solo dall'intelletto; ti comprendiamo, o vera vita della vita, o fecondità di tutti gli esseri; ti abbiamo conosciuto, eterna durata di tutta la natura, interamente colma del tuo potere creatore.

In tutta questa preghiera, adorando il bene della tua bontà, di questo solo ti preghiamo: che tu voglia custodirci perseveranti nell'amore della tua conoscenza, perché mai ci allontaniamo da questo genere di vita.

Ermete Trismegisto, Corpus Hermeticum, Asclepio, 41

 

 




 
PRIMA PAGINARELIGIONEINIZIO PAGINA


MAAT FORUM


MAAT
CONOSCERE LA STORIA PER CREARE IL FUTURO
TO KNOW THE HISTORY TO CREATE THE FUTURE